Jeniqua e Martin giocano con l'aquilone

Il Madagascar, isola dell’Oceano Indiano a circa quattrocento chilometri dalle coste del Mozambico con foreste e fauna unica al mondo, è uno tra i paesi più poveri della Terra. La situazione economica è ulteriormente peggiorata quando nella primavera del 2009 è stato cacciato il presidente Ravalomanana, che aveva ben governato nel primo mandato ma non nel secondo. Il governo dell’Alta Autorità della Transizione del presidente Rajoelina, dopo vari tentativi, è infine riuscito ad organizzare le elezioni del presidente della repubblica, terminate con il ballottaggio del 20 dicembre 2013. E' risultato  vincitore Hery Rajaonarimampianina, da tutti i malgasci chiamato semplicemente Hery, già ministro delle finanze del precedente governo dell'Alta Autorità della Transizione. Il nuovo presidente, ufficialmente in carica dal 7 gennaio 2014, si è attivato per ottenere il riconoscimento ufficiale da parte del Fondo Monetario Internazionale e convincere cosi la comunità internazionale ad attuare investimenti in Madagascar. Il giorno 11 aprile è stato nominato primo ministro il dottor Kolo Roger, chirurgo che ha lavorato a lungo in Svizzera nell'ospedale di Ginevra. Nel corso del 2015 ed anche nel 2016 la situazione politica non è sostanzialmente cambiata, ma la povertà della popolazione è ancora aumentata ed anche la piccola delinquenza soprattutto nelle grandi città. Per il 7 novembre di quest'anno 2018 il primo turno delle elezioni presidenziali con la bellezza di 36 candidati ha portato al ballottaggio del 19 dicembre l''ex presidente della repubblica Ravalomanana e l'ex presidente del periodo di Transizione ed ex sindaco della capitale Antananarivo  Rajoelina.

Il giorno 8 gennaio 2019 l'Alta Corte Costituzionale ha confermato i risultati del secondo turno delle elezioni presidenziali già anticipati dalla commissione elettorale: risulta eletto Andry Rajoelina con più del 55% dei voti espressi, settimo presidente della repubblica del Madagascar.   Risulta che il candidato sconfitto, Marc Ravalomanana, abbia accettato la sconfitta, nonostante i suoi  sostenitori abbiano nei giorni precedenti manifestato per presunti brogli verificatosi nel corso delle elezioni. Dopo la proclamazione non si sono verificati scontri  tra le diverse fazioni.

Il Madagascar continua ad essere uno dei paesi più poveri con la maggioranza della popolazione in condizioni di grave difficoltà economica, Purtroppo la povertà è molto difficile da sconfiggere e così i bambini denutriti sono sempre più numerosi e numerose sono anche le nascite di bimbi con handicap fisici per malnutrizione delle mamme.

Clicca qui se vuoi avere informazioni su come aiutarci...

 

News

15 -16 dicembre 2018 - Cuneo - Mostra dell'artigianato e spezie del Madagascar

L'Associazione Costruire Insieme  sarà presente a Cuneo presso la Chiesa dei Gesuiti (Tomasini) , via Statuto 12-14 nei giorni di ... >>

Grazie a tutti!

domenica 18 marzo 2018
Grazie a tutti coloro che collaborano e sostengono in vari modi l'Associazione "Costruire Insieme" permettendole di realizzare t... >>

14-19 agosto 2018 - Mondovì Piazza - via Vico 32E - Artigianato del Madagascar

giovedì 09 agosto 2018
Dal 14 al 19 agosto 2018 l'Associazione "Costruire Insieme" sarà presente alla Mostra Artigianato Artistico di Mondovì Piazza, vi... >>